Via del Quadraro 102, 00174 Roma, Italia
+39 06 42014109
+ 39 06 42000442

RefugIS

Il progetto RefugIS (dicembre 2016 – giugno 2017), finanziato da Microsoft Philanthrophies e promosso da Fondazione Mondo Digitale in Italia e Fundación Esplai in Spagna, nasce per offrire maggiori opportunità di inclusione e integrazione a rifugiati, immigrati e richiedenti asilo attraverso la pratica e lo sviluppo di competenze tecnologiche e digitali.

L’obiettivo è quello di avvicinare 650 cittadini stranieri ai concetti base dell’informatica e della programmazione, per aumentare o migliorare le loro opportunità occupazionali e accelerare il processo di integrazione nel paese ospitante. Attraverso un modello di apprendimento interculturale, gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado insegnano a immigrati e rifugiati ad usare il computer, a navigare in Internet, a programmare e a muovere i primi passi tra gli innumerevoli strumenti informatici messi a disposizione da Microsoft.

 

LA FORMULA DELLA TERZA ACCOGLIENZA

nuove tecnologie + social learning + animazione territoriale = PIENA INTEGRAZIONE

 

PARTNER

  • Microsoft Italia
  • Microsoft Spagna
  • Fondazione Mondo Digitale
  • Fundación Esplai

 

DURATA

dicembre 2016 | giugno 2017

 

DESTINATARI

  • 500 giovani immigrati e rifugiati formati in Italia
  • 300 studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Roma e Catania
  • 150 giovani immigrati e rifugiati formati in Spagna

 

ATTIVITÀ

  • Creazione di un network per l’integrazione con il coinvolgimento dei principali centri di accoglienza, NGO locali, istituzioni pubbliche e private
  • Definizione di un programma di formazione condiviso tra Italia e Spagna
  • Train the trainers: formazione a distanza degli studenti delle scuole superiori di secondo grado coinvolte nel progetto. Facilitatori della formazione sono, oltre i docenti e i coach della Palestra dell’Innovazione, dipendenti ed esperti Microsoft
  • Laboratori di informatica e coding rivolti a immigrati e rifugiati
  • Evento conclusivo in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato (20 giugno 2017)